Il medico è in terapia intensiva dopo aver ricevuto il vaccino contro il covid

Le autorità messicane hanno affermato che stanno indagando sul caso di un operatore sanitario di 32 anni che è stato ricoverato in ospedale per sospetta encefalomielite dopo aver ricevuto il vaccino contro il coronavirus Pfizer-BioNTech.

La dottoressa, senza nome, è stata ricoverata nel reparto di terapia intensiva di un ospedale statale dopo aver sviluppato convulsioni, difficoltà respiratorie ed eruzioni cutanee. Il ministero della Sanità messicano ha affermato che la diagnosi preliminare era l’encefalomielite (infiammazione del cervello e del midollo spinale).

Il dipartimento ha aggiunto che il paziente era incline a reazioni allergiche e durante gli studi clinici non c’erano prove che nessuno dei soggetti avesse sviluppato un’infiammazione cerebrale dopo la somministrazione del vaccino. I giornalisti non sono stati in grado di contattare Pfizer e BioNTech per un commento su questo incidente.

In precedenza, l’Agenzia per la sicurezza e lo sviluppo nel campo dei prodotti farmaceutici, Fimea (Finlandia), ha ricevuto la prima domanda nel paese su una reazione avversa al vaccino contro il coronavirus. In Finlandia, la vaccinazione con Pfizer-BioNTech è iniziata il 27 dicembre 2020.

© Il mondo italiano – Times of U